Le 26 cose da ricordarsi prima di sviluppare un sito web

Posted on

Niente come una comunicazione intelligente della propria immagine può fidelizzare i clienti “vecchi” e crearne di “nuovi”.
Niente come la realizzazione efficace di un sito web adatto alle proprie esigenze può veicolare la propria immagine in rete.
Il valore di una comunicazione efficace passa per una progettazione degna di questo nome.

Quali sono i punti salienti della progettazione di un sito web?
Che cosa c’è sotto la realizzazione di un sito web finito, di una comunicazione efficace della propria immagine?

  1. DOMINIO – in pubblicità si parla di “NAMING”, quella pratica che fa della scelta di nomi semplici, efficaci e accattivanti la sua dottrina. Nomi che possano essere ricordati e seguiti con attenzione.
  2. HOSTING – un hosting, dall’inglese to host (ospitare), è un servizio di Rete che consiste nell’allocare su un server web le pagine web di un sito web, rendendolo così accessibile dalla rete Internet e ai suoi utenti. Scegliere un buon host significa essere consapevoli della percentuale di affidabilità adeguata  e di risorse di spazio necessarie.
  3. TECH – significa la tecnologia di scrittura del codice, con il quale il sito è concretamente scritto.
  4. SCOPO – quando si comunica bisogna avere un obiettivo: commerciale, relazionale, sociale, culturale. La domanda da farsi è allora “che cosa voglio comunicare di preciso?”.
  5. MAPPA DEL SITO – la “site map” del sito è  semplicemente una pagina Web che elenca gerarchicamente tutte le pagine di un sito. Nata per facilitare la navigazione dell’utente, ha poi avuto una notevole importanza nell’attività di scansione da parte dei motori di ricerca.
  6. LAYOUT & COLORE – Vedere qui e qui.
  7. CONTENUTO – La comunicazione ha valore solo quando ha un reale impatto informativo. Nel marketing si parla di “content mkt” per indicare quella pratica che prevede la creazione e condivisione di media e contenuti editoriali di qualità, al fine di acquisire clienti e monetizzare un sito web, creare interesse in un determinato prodotto o servizio,  intrattenere il pubblico e attirare l’attenzione dell’utente finale.
  8. LETTORI – che tipologie di persone usufruiscono delle nostre informazioni, dei nostri contenuti? Saperlo significa capire il nostro target e dargli quello che vuole.
  9. PUBBLICITÀ‘ – da progettare e centellinare con cura, anche da un punto di vista grafico. Da non far pervenire se non è necessario.
  10. MESSAGGI POP UP – quei fastidiosi messaggi che compaiono automaticamente quando si naviga in rete. Andavano di moda molti anni fa e ora sono appannaggio di siti poco raccomandabili. Esistono forme molto più intelligenti ed efficaci di pubblicità, come per esempio il “Native Advertising“.
  11. DESIGN ACCATTIVANTE – Un ottimo design del proprio sito permette di migliorare in poco tempo le propria visibilità on line. Da preferire, come sempre, la semplicità e l’efficienza.
  12. PULSANTI – si usano per le cosiddette “call to action“, inviti a compiere un’azione. Nel Web design sono elementi ben distinguibili, che sollecitano il navigatore a compiere un’azione. Di enorme importanza, sono quelle che costruiscono e mantengono le relazioni nel web (vedi pulsanti richiesta amicizia su Fb, oppure le iscrizioni alle mailing list).
  13. SFONDO – Deve essere pulito, neutro, colorato. Non deve disturbare la navigazione né la leggibilità dei testi e delle immagini.
  14. IMMAGINI – La scelta delle immagini è fondamentale. Questo si nota soprattutto negli e-commerce o nei siti portfolio. Le immagini dicono molte cose, senza la necessità di esplicare nulla (vedere le infografiche). Da selezionare e postare attentamente. Sono il veicolo più potente e immediato per un sito web.
  15. NAVIGAZIONE – Google insegna: le persone vogliono servizi per lo più istantanei, pertinenti e soprattutto facili da raggiungere. Un sito web deve essere facile da navigare, seguendo uno schema preciso, senza intoppi, interruzioni, perdite di tempo. Come un sogno, o se volete, un film.
  16. UNICO – Il web è per lo più una grande accozzaglia di informazioni e di contenuti che si assomigliano:come accade nel mercato, occorre posizionarsi e distinguersi. Comunicare la propria attività in maniera non convenzionale, aperta, limpida significa al giorno d’oggi pensare in grande, trasmettere il proprio entusiasmo nel proprio lavoro.
  17. AGGIORNATO – Aggiornare il proprio sito web, così come la propria pagina fb,  con regolarità è fondamentale. Non aggiornare significa da un lato rinunciare a comunicare, e dall’altro comunicare distrazione e disinteresse.
  18. OTTIMIZZATO – Un buon rapporto con i motori di ricerca è fondamentale per essere presenti in rete.
  19. CROSS BROWSER – Significa rendere il sito visibile correttamente dai diversi tipi di browser.
  20. RISOLUZIONE – Ciò che oggi è importante fare è garantire un design responsivo, o responsive web design (RWD), che indica una tecnica di realizzazione in grado di adattare graficamente i siti in modo automatico al dispositivo coi quali vengono visualizzati (computer con diverse risoluzioni, tablet, smartphone, cellulari, web tv), riducendo al minimo la necessità per l’utente di ridimensionamento e scorrimento dei contenuti.
  21. SOCIAL MEDIA – Integrare il proprio sito con i canali social: una buona strategia di “social marketing” non implica di per sé nuovi consumatori, ma nuove relazioni, nuovi approcci e nuove possibilità di comunicare la propria immagine. Un settore in continuo aumento per via del settore “mobile”.
  22. CARATTERE – Scegli ancora una volta la semplicità e la precisione: un font facile da leggere, da reperire, da utilizzare.
  23. REGISTRAZIONE – Se vuoi che gli utenti vogliano interagire con il tuo sito, cerca di dare delle “ricompense”, qualcosa che dia loro la certezza di essere importanti e, a loro modo, unici.
  24. MONITORAGGIO & ANALISI – Esistono diversi sistemi, molto spesso gratuiti, per visualizzare le statistiche del tuo sito. Questi non garantiscono soltanto un monitoraggio pressoché istantaneo delle tipologie di target che cercano i tuoi contenuti in rete, ma anche la maniere e modalità con cui lo fanno.
  25. SICUREZZAGarantisci la sicurezza dei tuoi utenti, soprattutto per quanto riguarda dati personali, privacy, ed eventuali modalità di pagamento.
  26. FOOTER – Non certo la parte più importante del sito ma la sua completezza e interazione con gli altri elementi del sito potrebbe fare la differenza.

infografica-26-cose-da-fare-sito-web

FONTE: Pixaal.com per l’infografica in inglese e a Daniele Congiu per il contributo alla traduzione in italiano.