E-Commerce: aumenta il tuo volume d’affari con il web 2.0

Posted on

Nuovi dati confermano che le aziende italiane arrivano alla sufficienza riguardo l’utilizzo del Web 2.0.
Le statistiche provengono della “Digital Agenda for Europe”, un’iniziativa nata e sostenuta dalla Commissione Europea per indagare e sfruttare al meglio il potenziale della tecnologia dell’informazione (ICT).
Rispetto all’integrazione e all’utilizzo di software per la gestione del proprio business off-line, le aziende italiane sono sulla media europea, mentre il dato incontrovertibile è che sono ancora molto in ritardo per quanto riguarda “e-commerce”, il commercio on line. L’Italia fa meglio solo di Romania, Lettonia, Bulgaria, Cipro e Belgio e il suo fatturato derivante dal mercato in rete è pari all’11% per le grandi imprese e appena il 5% per quanto concerne le PMI.
C’è da dire che la popolazione potenziale che accede quotidianamente in internet, per acquistare beni e servizi, è stimata in oltre 250 milioni di persone, con una spesa media di oltre 1.200 euro ciascuno e un mercato di oltre 300 miliardi di euro, in crescita del 19% nel 2012.
Altre stime confermano che in Italia, il 51% dei consumatori compra più volentieri da un’attività commerciale che consente l’acquisto online e il ritiro\reso della merce in negozio.

Costruire un e-commerce è semplice: basta rispettare alcune linee guida.

  • Specializzati per individuare il tuo particolare target di clienti, diventando per lui un punto di riferimento e soprattutto promuovendo un prodotto che conosci a fondo.
  • Vendi con “Bassi margini” poiché i prezzi economici sono il secondo fattore di scelta per l’83% delle persone e perché in uno store on line si vendono più prodotti che in un negozio fisico.
  • Cura con attenzione tutta l’intera transazione dall’inizio alla fine; affidati a corrieri e metodi di pagamento fidati, sia perché il costo di spedizione è determinante per le vendite, sia perché il fattore tempo è decisivo per la soddisfazione del cliente.
  • Sviluppa meccanismi di soddisfazione inconscia come sconti e gadget.
  • Inserisci tutti i prodotti che vendi, anche quelli che hanno un basso volume di vendita, sia poiché in rete si va in cerca di quelli introvabili (clientela di nicchia), sia per differenziarti dalla concorrenza, creando così un circolo vizioso positivo di ricerca, scoperta, soddisfazione, e feedback positivi della tua attività.
  • Inserisci e promuovi le “novità”, poiché clienti e motori di ricerca apprezzano contenuti freschi e nuovi per palati sempre più esigenti.
  • Cura delle descrizioni dei prodotti poiché qualche specifica in più può consolidare e confermare la propensione all’acquisto e perché gli utenti cercano sul web informazioni che non riescono a trovare altrove.
  • Usa le giuste keyword (parole chiave) poiché linguaggi troppo complessi e tecnici limitano la portata dei tuoi prodotti e in qualche caso la propensione all’acquisto.
  • Pubblica i commenti positivi della tua clientela. Il cliente è portato per sua natura a fidarsi più di un suo “collega” piuttosto di un venditore. Stanno dalla stessa parte della barricata.
  • Trasmetti sicurezza con semplicità, chiarezza e pro attività, rispondendo presto e bene ai clienti più esigenti.
  • Cura la grafica e l’usabilità del tuo e-commerce poiché più un sito è astruso e difficile da usare, meno sarà frequentato.
  • Utilizza i social per implementare la visibilità del tuo store.

In seguito un’infografica.

infografica_ecommerce.png__2358x2995_q85_crop_upscale