Gli elementi strategici del web: la gerarchia visiva (diagramma 1)

In un mondo sempre più connesso, i siti web sono i mezzi principali per trasmettere la propria immagine in rete sia per le aziende che per le persone. Quando si naviga accade molto spesso che uno dei pericoli più fastidiosi sia quello di avere a che fare con siti o pagine web che non corrispondono alle nostre aspettative estetiche, né tanto meno pratiche. Il fraintendimento, la confusione e la seccatura sono spesso dietro l’angolo, sotto un link che non funziona, una pagina che si carica troppo lentamente, o semplicemente forme geometriche, colori e caratteri che stonano gli uni con gli altri.
L’usabilità è quell’insieme di caratteristiche che permettono ad un sito web di possedere qualità come efficacia, efficienza e soddisfazione da parte degli utenti finali.

Il suo primo requisito è una buona gerarchia visiva.

L’occhio umano obbedisce a routine esperienziali che lo portano ad analizzare ciò che vede, definendo analogie e distinzioni, componendo e scomponendo forme in base alla loro dimensione o tonalità, comparando costantemente tutti gli elementi che incrociano il suo spettro visivo. In pratica crea relazioni a seconda di determinate consuetudini “visive” che lo portano a concentrare la propria attenzione su certi elementi piuttosto che altri.
Un moderno sito web si definisce efficace dal punto di vista visivo quando riesce a comunicare immediatamente, con semplicità e accortezza, tutte le informazioni principali che vuole trasmettere, garantendo allo stesso tempo un’esperienza di navigazione pratica ed efficiente.

 Ecco gli elementi fondamentali di una buona gerarchia visiva.

 v  Contrasto tra un elemento ed un altro, ovvero la prima differenza che aiuta a distinguere gli elementi e far concentrare l’utente sugli elementi a cui vogliamo dare risalto. Si può ottenere per dimensione (un elemento più grande attirerà un’attenzione maggiore rispetto ad uno piccolo) o per colore (colori troppo sgargianti possono destabilizzare e corrompere il tono generale del sito).

Ripetizione, l’associazione di una regola ad un gruppo di elementi che svolgono la stessa azione contribuisce a quegli elementi un significato comune e condiviso.

Allineamento, ovvero la gestione degli spazi. Tutti storciamo il naso quando ci troviamo difronte ad una pagina web dove manca una corretta delimitazione e gestione dei diversi elementi che la compongono. L’utente non si lamenterà mai di una pagina ben strutturata: l’allineamento di tutti gli elementi garantisce ordine al flusso comunicativo.

Vicinanza, ovvero ciò che crea le sotto-gerarchie che danno significato agli elementi visivi.

Il primo diagramma per posizionare alla meglio gli elementi della nostra pagina web è quello di Gutemberg. Questo divide il layout in quattro aree, e si scopre particolarmente adatto a pagine ricche di testo:

 Aree-interesse-WEb

 

 

E-Commerce: aumenta il tuo volume d’affari con il web 2.0

Nuovi dati confermano che le aziende italiane arrivano alla sufficienza riguardo l’utilizzo del Web 2.0.
Le statistiche provengono della “Digital Agenda for Europe”, un’iniziativa nata e sostenuta dalla Commissione Europea per indagare e sfruttare al meglio il potenziale della tecnologia dell’informazione (ICT).
Rispetto all’integrazione e all’utilizzo di software per la gestione del proprio business off-line, le aziende italiane sono sulla media europea, mentre il dato incontrovertibile è che sono ancora molto in ritardo per quanto riguarda “e-commerce”, il commercio on line. L’Italia fa meglio solo di Romania, Lettonia, Bulgaria, Cipro e Belgio e il suo fatturato derivante dal mercato in rete è pari all’11% per le grandi imprese e appena il 5% per quanto concerne le PMI.
C’è da dire che la popolazione potenziale che accede quotidianamente in internet, per acquistare beni e servizi, è stimata in oltre 250 milioni di persone, con una spesa media di oltre 1.200 euro ciascuno e un mercato di oltre 300 miliardi di euro, in crescita del 19% nel 2012.
Altre stime confermano che in Italia, il 51% dei consumatori compra più volentieri da un’attività commerciale che consente l’acquisto online e il ritiro\reso della merce in negozio.

Costruire un e-commerce è semplice: basta rispettare alcune linee guida.

  • Specializzati per individuare il tuo particolare target di clienti, diventando per lui un punto di riferimento e soprattutto promuovendo un prodotto che conosci a fondo.
  • Vendi con “Bassi margini” poiché i prezzi economici sono il secondo fattore di scelta per l’83% delle persone e perché in uno store on line si vendono più prodotti che in un negozio fisico.
  • Cura con attenzione tutta l’intera transazione dall’inizio alla fine; affidati a corrieri e metodi di pagamento fidati, sia perché il costo di spedizione è determinante per le vendite, sia perché il fattore tempo è decisivo per la soddisfazione del cliente.
  • Sviluppa meccanismi di soddisfazione inconscia come sconti e gadget.
  • Inserisci tutti i prodotti che vendi, anche quelli che hanno un basso volume di vendita, sia poiché in rete si va in cerca di quelli introvabili (clientela di nicchia), sia per differenziarti dalla concorrenza, creando così un circolo vizioso positivo di ricerca, scoperta, soddisfazione, e feedback positivi della tua attività.
  • Inserisci e promuovi le “novità”, poiché clienti e motori di ricerca apprezzano contenuti freschi e nuovi per palati sempre più esigenti.
  • Cura delle descrizioni dei prodotti poiché qualche specifica in più può consolidare e confermare la propensione all’acquisto e perché gli utenti cercano sul web informazioni che non riescono a trovare altrove.
  • Usa le giuste keyword (parole chiave) poiché linguaggi troppo complessi e tecnici limitano la portata dei tuoi prodotti e in qualche caso la propensione all’acquisto.
  • Pubblica i commenti positivi della tua clientela. Il cliente è portato per sua natura a fidarsi più di un suo “collega” piuttosto di un venditore. Stanno dalla stessa parte della barricata.
  • Trasmetti sicurezza con semplicità, chiarezza e pro attività, rispondendo presto e bene ai clienti più esigenti.
  • Cura la grafica e l’usabilità del tuo e-commerce poiché più un sito è astruso e difficile da usare, meno sarà frequentato.
  • Utilizza i social per implementare la visibilità del tuo store.

In seguito un’infografica.

infografica_ecommerce.png__2358x2995_q85_crop_upscale

B to B: il marketing interaziendale

BtoB” (Business to Business) è la locuzione anglosassone che indica le transazioni commerciali che intercorrono tra le aziende.
In pratica tutte quelle attività che un’impresa detiene con i propri fornitori  o i propri clienti professionali, cioè altre imprese. collocate in punti diversi della filiera produttiva per le attività di approvvigionamento, pianificazione, monitoraggio, produzione e sussidio nelle attività di sviluppo del prodotto o servizio.

Come si può pianificare una buona attività di marketing BtoB?
La progettazione e la costruzione di un sito web per aziende del genere, molto diffuse in tutto il nord Italia, è molto importante per garantire e assicurare al brand un’ottima visibilità in rete che possa affiancarsi al settore commerciale sul campo.
Ecco allora qualche dritta per farsi un’idea di come ideare e pensare il proprio nuovo sito web.
Ricordando sempre che dietro i brand ci sono le persone.

20121215_13regole_ita-1 (1)

 

 

Psicologia del Colore: a New Color for your WebSite

Progettare un sito web non comporta solamente una profonda conoscenza dei linguaggi di programmazione. Progettare e realizzare un sito Web efficace non significa solamente capire che cosa il committente voglia trasmettere con quel sito web. Progettare e realizzare un sito web significa utilizzare tutte le accortezze grafiche perché il messaggio giunga efficace a destinazione.
Il corretto uso del colore in un sito web interessa più discipline, tutte strettamente legate ad applicazioni concrete nella vita quotidiana e al rapporto tra le persone e la comunicazione:

 • la fisica, ma specialmente l’ottica per tutto ciò che avviene all’esterno del sistema visivo

la fisiologia, per quanto riguarda il funzionamento dell’occhio e la generazione, elaborazione, codifica e trasmissione dei segnali nervosi dalla retina al cervello

la psicologia: riguarda l’interpretazione dei segnali nervosi e la percezione del colore

la psicofisica che studia la relazione tra lo stimolo e la risposta del sistema visivo (la colorimetria è una parte della psicofisica).

Il colore è una “sensazione” che viene afferrata dal cervello e che ha esiti sul corpo e gli atteggiamenti e le emozioni che gli si associano inconsciamente sulla base dell’esperienza e del contesto.
I colori “caldi” sono stimolanti e positivi, ma anche irruenti e decisi.
I colori “tenui” sono rassicuranti e ispirano fiducia, come del resto i colori “freddi”, che ispirano professionalità e competenza come il verde e l’azzurro. Scegliendo la giusta tonalità puoi ottenere ottimi risultati per la tua pubblicità.
In seguito l’infografica con tutte le tonalità e le rispettive emozioni correlate.

psicologia-del-colore

 

Brainstorming: la sinergia con il cliente.

Il” brainstorming” è una tecnica di creatività di gruppo. Fa emergere nuove idee volte sia alla pianificazione di strategie, sia alla soluzione di un problema. Il suo concetto indica “usare il cervello (brain) per prendere d’assalto (storm) un problema“. Consiste nel proporre in via preliminare soluzioni che svincolano dalle ovvietà e della monotonia. Terminata la seduta, tutte le proposte vengono vagliate attentamente per comprendere quale sia la migliore per il cliente. Il brainstorming iniziò a diffondersi nel 1957, grazie al libro “Applied Imagination” del dirigente pubblicitario Alex Osborn. Il risultato principale della tecnica sta nell’osservare con diverse prospettive il focus della commessa e trovare il modo migliore per comunicare la propria azienda o il proprio brand.

Nel web 2.0 trovare nuove idee e nuovi metodi per comunicare ai consumatori non è sempre facile. Il brainstorming con la clientela quindi assicura non soltanto un’esatta condivisione di obiettivi tra web marketer e cliente, ma anche la possibilità di analizzare i dati in maniera più approfondita e la capacità di risolvere eventuali problemi in un minor dispendio di tempo ed energie per entrambi.

 

http://www.webhouseit.com/brainstorming-tools-ecco-5-strumenti-che-fanno-al-caso-tuo/

 

Perché investire sul Web e i Social Media?

Semplice. Il Web 2.0 e il Social Marketing assicurano alla tua azienda:

  •  Maggiore visibilità. Il tuo sito internet aumenta considerevolmente i volumi di traffico, il numero di visite e di interazioni dirette – quelle più importanti – con la clientela.
  • Rafforzamento della “brand identity” (identità) e della “brand awareness”(consapevolezza) della tua attività, di ciò che fai e di ciò che vendi, delle tue qualità, peculiarità e risultati.
  • Vantaggio sui competitor diretti e indiretti. Oggi pochissime aziende sanno creare e gestire accuratamente i propri profili on line. Affidarsi ad una consulenza oggi può assicurare un migliore profitto domani.

Ecco un’infografica che spiega come le grandi aziende hanno implementato e migliorato le proprie reti di vendita e la loro costumer orientation con pochi semplici click.

 

brandsocial-500x3164

Studio45: a new social experience !

Studio45 è finalmente sui social network!  Sono stati creati gli account facebook, twitter, google plus+ e linkedin. Nuove strade per tenerti sempre aggiornato sulle nuove forme di marketing ispirate dal web 2.0, che possono:

accrescere l’importanza del tuo brand

fidelizzare i clienti già acquisiti

acquisirne di nuovi

ampliare il tuo volume d’affari

sviluppare il tuo e-commerce. 

Potenzia la tua visibilità in rete!

Studio45“Make yourself web ready!”